UPRI facebook linkedin
STUDIO MAZZA

Mobile: 3388329623

PSICOTERAPIA FAMILIARE

 

 

La terapia familiare è un modello di intervento psicoterapeutico che deriva dal meta-modello raggruppato nelle cosiddette teorie sistemico-relazionali, che ha sviluppato concetti e pratiche nuove sul significato del disagio e dei sintomi psichici espressi dagli individui.
Questo modello di intervento si è affermato a partire dagli anni cinquanta negli Stati Uniti prima e nell'Europa successivamente, diffondendosi in poco tempo. La terapia familiare sposta la sua attenzione dal membro "malato" della famiglia a tutti i suoi componenti, rilevando come questi ultimi influenzino il comportamento del membro "malato".
Secondo l'approccio sistemico-relazionale i sintomi e il disagio del singolo individuo sono il risultato di un intersecarsi complesso tra esperienza soggettiva, qualità delle relazioni interpersonali più significative e capacità cognitive di autovalutazione della propria situazione.

I concetti di base derivano dalla teoria dei sistemi e dalla cibernetica: ad esempio, tra i molti altri, quello di "sistema" e quello di "causalità circolare". Nell'ottica della definizione del "ciclo vitale della famiglia", termine coniato attorno agli anni quaranta, si presuppone nell'evoluzione del sistema familiare l'incontro con alcuni "eventi nodali" che, attraverso la disorganizzazione-riorganizzazione del sistema stesso, implicano il superamento di alcuni compiti di sviluppo, permettendo così il passaggio ad una fase successiva.
Gli eventi vengono suddivisi in paranormativi e normativi.I primi riguardano tutto ciò che nel ciclo vitale, dalla nascita alla morte, può capitare ad una famiglia ma non può essere previsto (morte di un figlio, incidente, etc.); i secondi rappresentano tutti quegli eventi che invece possono essere previsti. La Duvall propone una scansione del ciclo vitale in otto stadi, in cui gli eventi nodali sono preceduti dall'acquisizione o dalla perdita di membri familiari. L'evoluzione del sistema familiare trova la sua comprensione nell'arco almeno di tre generazioni.

I sintomi di una persona, oltre ad esprimere in maniera metaforica il conflitto psichico soggettivo, acquisiscono una funzione precisa all'interno del sistema relazionale in cui emergono. La famiglia, intesa come il sistema vivente di riferimento principale nell'esperienza emotiva di una persona, è il primo contesto esperienziale all'interno del quale i sintomi assumono una funzione precisa per il funzionamento relazionale del gruppo di persone che ne fanno parte.
I conflitti che tendono a disgregare il sistema-famiglia creano una tensione emotiva che di solito viene vissuta in termini drammatici dal soggetto portatore del sintomo; egli si fa carico, attraverso la manifestazione dei sintomi, di distogliere i membri della famiglia dall'affrontare in modo manifesto le proprie difficoltà di relazione, accentrando l'attenzione su di sé. Il sintomo ha quindi una doppia valenza: segnala alla famiglia l'esistenza di un disagio e, nello stesso tempo, rende innocuo il suo potere distruttivo, accentrando su di sé tutte le preoccupazioni degli altri membri.


La terapia familiare interviene attraverso varie modalità di lavoro con le famiglie, operando su 4 livelli principali di osservazione:
•    la storia trigenerazionale della famiglia (nonni-genitori-figli);
•    l'organizzazione relazionale e comunicativa attuale della famiglia;
•    la funzione del sintomo del singolo individuo nell'equilibrio della famiglia;
•    la fase del ciclo vitale della famiglia in cui si presenta il sintomo del singolo (ciclo vitale: rappresenta una tappa delle varie fasi evolutive attraversate da un sistema-famiglia; si parla, ad esempio dell'uscita da casa dei figli a seguito del matrimonio, del decesso di un genitore o della nascita di un figlio, etc.; questi eventi costringono il sistema a riorganizzarsi, e quindi ad evolvere verso nuovi assetti relazionali).


Le tecniche, attraverso l'utilizzo di compiti ("homeworks") da attuare sia nelle sedute terapeutiche che a casa, si articolano intorno alle problematiche dei ruoli, della gerarchia, delle alleanze, e della qualità della comunicazione.
 

 

 

Luigi Schepisi, Didatta dell' IIPR Roma. Foto scattata durante Convegno di Studio IIPR-SIPRES. Dagli interventi paradossali alle narrazioni molteplici. 40 anni di Psicoterapia Relazionale Sistemica (1975-2015). Università degli studi di Roma " La Sapienza".

 

 

 

 

 

 

 

Luigi Schepisi, Didatta dell' IIPR Roma. Foto scattata durante Convegno di Studio IIPR-SIPRES. Dagli interventi paradossali alle narrazioni molteplici. 40 anni di Psicoterapia Relazionale Sistemica (1975-2015). Università degli studi di Roma " La Sapienza".

 

 

SERVIZI PER LA PERSONA

SERVIZI PER LE AZIENDE

SERVIZI PER OPERATORI SANITARI



UPRI

STUDIO MAZZA PSICOLOGIA

STUDIO MAZZA
Psicologia & Psicoterapia
Direttore Dottor Vincenzo Mazza

Via S. Gennaro ad Antignano, 109
80129 - Napoli

Mobile: 3388329623
info@studiomazzapsicologia.it

facebooklinkedin

Copyright © 2013 Studio Mazza, P.Iva 04490991215